INPS RICHIESTA INDEBITO: COSA FARE

0

L’INPS spesso chiede ai pensionati, anche a distanza di anni dall’erogazione, la restituzione di presunti indebiti assistenziali e previdenziali.

Nel singolo caso, deve essere valutata, da legale esperto in materia previdenziale, la possibilità di contestare o meno la richiesta di indebito.

Si deve osservare quanto segue:

1) le richieste di indebito sono soggette a prescrizione decennale, e quindi l’Inps entro 10 anni deve richiedere al cittadino la restituzione di somme indebitamente percepite.

2) La richiesta contributiva ha invece prescrizione quinquennale, e quindi l’Inps entro cinque anni può richiedere il pagamento di contributi non versati.

3) Per quanto riguardo le richieste di restituzione per indebiti reddituali, si deve osservare che la normativa prevede che l’Inps paghi le prestazioni per l’anno in corso e nell’anno seguente provveda a richiedere i dati reddituali, sulla base dei quali procede a conguaglio. Per evitare che tali richieste di restituzione pervengano troppo tempo, la legge prevede che l’Inps ha un anno dalla ricezione dei dati reddituali, per poter richiedere la restituzione di somme indebitamente erogate, salvo il dolo del percipiente.

4) Si deve anche evidenziare che, con riguardo all’onere della prova nei giudizi di opposizione, se fino al 2008 la giurisprudenza ha ritenuto che nei giudizi di opposizione dovesse essere l’Inps a provare i fatti costitutivi della propria pretesa, a partire dalla sentenza della Corte di Cassazione SSUU n 18046/2010 ha invece stabilito che dev’essere il cittadino (e non più l’Istituto) a provare i fatti costitutivi. Al riguardo però la Cassazione n. 198/2011 ha ritenuto che, sebbene sia il cittadino a dover provare la legittimità delle somme che ha percepito, l’Inps deve porlo in condizione di potersi difendere; pertanto ne deriva illegittimità di richieste avanzate dall’Istituto in assenza di dati contabili o in ogni caso di qualsiasi riferimento logico/matematico per poter valutare la richiesta.

 

Richiedi una consulenza legale cliccando su:
Richiedi consulenza

Share.

About Author

Leave A Reply